DOMUS 18 APRILE 2021

III Domenica di Pasqua

«Perché siete turbati, e perché sorgono dubbi

nel vostro cuore?»

(Lc. 24,38)

Non sappiamo dove sia Emmaus, quel nome è un simbolo di tutte le nostre strade, quando qualcosa sembra finire, e si torna a casa, con le macerie dei sogni. Due discepoli, una coppia, forse un uomo e una donna, marito e moglie, una famigliola, due come noi:

«Lo riconobbero allo spezzare del pane», allo spezzare qualcosa di proprio per gli altri, perché questo è il cuore del Vangelo. Spezzare il pane o il tempo o un vaso di profumo, come a Betania, e poi condividere cammino e speranza. È cambiato il cuore dei due e cambia la strada: «Partirono senza indugio e fecero ritorno a Gerusalemme». L'esilio triste diventa corsa gioiosa, non c'è più notte né stanchezza né città nemica, il cuore è acceso, gli occhi vedono, la vita è fiamma. Non patiscono più la strada: la respirano, respirando Cristo. Diventano profeti. Stanno ancora parlando e Gesù di persona apparve in mezzo a loro, e disse: Pace a voi. Lo incontri e subito sei chiamato alla serenità: è un Signore che bussa alla mia vita, entra nella mia casa, e il suo saluto è un dono buono, porta pace, pace con me stesso, pace con chi è vicino e chi è lontano. Gesù appare come un amico sorridente, a braccia aperte, che ti accoglie con questo regalo: c'è pace per te. Mi colpisce il lamento di Gesù «Non sono un fantasma» umanissimo lamento, c'è dentro il suo desiderio di essere accolto come un amico che torna da lontano, da stringere con slancio, da abbracciare con gioia. Non puoi amare un fantasma. E pronuncia, per sciogliere dubbi e paure, i verbi più semplici e più familiari: «Guardate, toccate, mangiamo insieme!» gli apostoli si arrendono ad una porzione di pesce arrostito, al più familiare dei segni, al più umano dei bisogni. Lo conoscevano bene, Gesù, dopo tre anni di strade, di olivi, di pesci, di villaggi, di occhi negli occhi, eppure non lo riconoscono. E mi consola la fatica dei discepoli a credere.

È la garanzia che la Risurrezione di Gesù non è un'ipotesi consolatoria inventata da loro, ma qualcosa che li ha spiazzati. Il ruolo dei discepoli è aprirsi, non vergognarsi della loro fede lenta, ma aprirsi con tutti i sensi ad un gesto potente, una presenza amica, uno stupore improvviso. E conclude oggi il Vangelo: di me voi siete testimoni. Non predicatori, ma testimoni, è un'altra cosa. Con la semplicità di bambini che hanno una bella notizia da dare, e non ce la fanno a tacere, e gli fiorisce dagli occhi. La bella notizia: Gesù non è un fantasma, è potenza di vita; mi avvolge di pace, di perdono, di risurrezione. Vive in me, piange le mie lacrime e sorride come nessuno. Talvolta vive "al posto mio" e cose più grandi di me mi accadono, e tutto si fa più umano e più vivo.

P. Ermes Ronchi

VIVONO IN CRISTO

In questi giorni il Signore ha accolto nella sua Casa di luce e di pace M. TERESA ZANGHERI, ANTONIETTA BORRIELLO IMPERATO e TOMMASO SCATIGNA.

La nostra Comunità Cristiana si stringe con affetto, nella preghiera, ai loro familiari


PRIMA COMUNIONE


Oggi, domenica 18 aprile, alle ore 16:00, in Cattedrale, un secondo gruppo di fanciulli della nostra Unità Pastorale partecipa per la prima volta all’ Eucaristia.

Accompagniamo i nostri bambini con l’ affetto e la preghiera.



S. BATTESIMO


Domenica scorsa, 11 aprile, in Cattedrale, la piccola SILVIA CURANDI GAIST è rinata alla vita nuova dei figli di Dio per il mistero dell’ acqua e dello Spirito Santo. La nostra Comunità Cristiana condivide con i familiari della neo-battezzata la gioia di questo evento.


GIORNATA NAZIONALE PER L’ UNIVERSITA’ CATTOLICA


Il sogno di padre Agostino Gemelli e di Armida Barelli, presto beata, è diventato grande: l’Università Cattolica compie 100 anni. Un’avventura appena cominciata. Promossa dall’Istituto Giuseppe Toniolo, ente fondatore dell’Ateneo, domenica 18 aprile si celebra la Giornata per l’Università Cattolica. La ricerca d’eccellenza, il servizio reso al bene comune, il grande impegno nel corso della pandemia: tutto questo è reso possibile grazie al legame dei cattolici italiani con il loro Ateneo.



CORSO OPERATORI PASTORALI


Venerdì 23 aprile, alle ore 21:15, sul canale YouTube dell’ Arcidiocesi, avrà luogo l’incontro formativo mensile per gli operatori pastorali della Liturgia e della Catechesi.

Don Giovanni Frausini approfondirà il tema : ‘ Messale Romano ed Eucaristia domenicale’.



GIORNATA MONDIALE PER LE VOCAZIONI


Domenica prossima, 25 aprile, si celebra la 58a Giornata Mondiale di preghiera per le Vocazioni. Tema conduttore proposto : “ La santificazione è un cammino comunitario da fare a due a due “.



57 visualizzazioni